Il Terzo settore è rosa

Nella cooperazione sociale le donne sono oltre il 70% degli occupati

Come si è visto nei dibattiti dei giorni scorsi, il problema dell’ occupazione e della crescita femminile nel lavoro in Italia è ancora molto persistente.
Ma per fortuna ci sono anche buoni esempi positivi, come quelli che arrivano dal Terzo settore e dal mondo della cooperazione sociale.
Infatti in queste associazioni ed aziende le donne continuano ad essere molto presenti, con un numero ed un peso molto più importanti che nelle altre realtà socio-produttive.

Come risulta da una recente indagine condotta dal Forum del Terzo Settore, (Abstract sulle reti del Terzo settore),  le donne che lavorano nelle organizzazioni aderenti sono più del doppio rispetto agli uomini, circa 200.000 lavoratrici rispetto agli oltre 91.000 uomini.
Inoltre il 55% dei soci del Forum, come risulta dal rapporto “Il Terzo settore e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile” lavora in progetti che promuovono l’uguaglianza di genere.
I settori dove si registra la maggiore presenza femminile sono l’assistenza sociale, la protezione civile, la cooperazione sociale e la sanità, dove la percentuale supera il 70%.

Infatti, secondo i numeri di Legacoopsociali, su un numero di occupati di 121mila unità, il 74,2% appartiene alle donne, mentre per la base sociale tale incidenza è del 69,2%.
Tale incidenza è favorita dal tipo delle attività svolte, come i servizi al pubblico o alla persona, alla conciliazione dei  tempi di vita e lavoro, ad un tipo di governante sostenibile.
Inoltre tale presenza è rafforzata dalla posizione  di leadership di molte donne che svolgono mansioni dirigenziali nelle imprese e cooperative sociali dove operano.

La forte presenza delle donne è un valore aggiunto per il mondo del sociale, ha dichiarato recentemente la portavoce del Forum Terzo Settore, Claudia Fiaschi, in occasione della Giornata internazionale delle donne.
Il contrasto alle disuguaglianze di genere e non solo resta un obiettivo fondamentale, nella consapevolezza del valore e del ruolo delle donne nel promuovere cambiamenti sociali e sviluppo economico nelle comunità, soprattutto nei contesti più fragili del Paese.
Inoltre l’integrazione al lavoro e la solidarietà portate avanti dalle diverse realtà del settore può contribuire a liberare le donne dalle minacce della povertà, del degrado sociale e della violenza.