Marzo, arrivano le Paralimpiadi invernali

Marzo, arrivano le Paralimpiadi invernali

Appena dopo le Olimpiadi invernali, le XII Paralimpiadi invernali si svolgeranno dal 9 al 18 marzo in Corea del Sud, a PyeongChang.

La manifestazione vedrà la partecipazione di atleti provenienti da tutto il mondo con differenti tipi di disabilità (motoria, amputazioni, protesi, non vedenti ed altre categorie).

Questi potranno gareggiare in 6 discipline (Sci alpino, Snowboard, Sci di fondo, Biathlon, Curling in carrozzina, Para ice hockey), con complessivamente 80 competizioni a disposizione, un numero più alto rispetto alle 72 del 2014.

La nazionale italiana sarà come adeguatamente rappresentativa ed avrà il compito di far dimenticare la delusione della precedente spedizione, nella quale i nostri atleti non hanno ottenuto nessuna medaglia.
Gli azzurri saranno presenti nello sci alpino, nello sci di fondo, nello snowboard e nel para-ice hockey, in rappresentanza della Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici e della Federazione Italiana Sport del Ghiaccio.

Il portabandiera della spedizione a PyeongChang sarà Florian Planker un azzurro che ha partecipato a ben sei edizioni dei giochi (tre con lo sci alpino e tre con il para ice hockey) e che ha vinto il bronzo olimpico a Salt Lake City 2002 nello sci alpino e un oro ed un argento agli Europei di ice hockey.
Planker stesso ha ricevuto da poco il tricolore dalle mani del Presidente italiano Sergio Mattarella e da Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico.

Per quanto riguarda gi altri atleti, vi sono speranze nello sci alpino con il giovane Giacomo Bertagnolli e la sua guida Fabrizio Casal e Melania Corradini (standing), nello snowboard con Manuel Pozzerle ed Roberto Cavicchi.
Meno competitivi sono gli azzurri nello sci nordico e nel para ice hockey, che comunque stanno crescendo con la partecipazione a competizioni internazionali.
Si mantiene cauto il presidente Luca Pancalli, sostenendo di aver dato corso ad un percorso di rinnovamento con alcune giovani promesse. Sarà importante vincere medaglie, per la promozione dello sport tra le persone con disabilità.

Infatti, come emerge dai dati recenti delle due Federazioni sportive, in Italia vi sono circa 400 i tesserati 291 sono iscritti alla Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici, tra cui 150 nello sci alpino, 71 nello snowboard, 70 nello sci nordico. 110 sono gli iscritti alla Federazione italiana sport sul ghiaccio, che praticano wheelchair curling (55 persone) e ice hockey (55 atleti).

In tutto le società sportive paralimpiche invernali sono 39, diffuse soprattutto in Piemonte, Veneto e Lombardia ma presenti anche in Abruzzo e Campania. Per maggiori informazioni ci si può rivolgere ai portali delle Federazioni sportive www.fisg.it/web/ e www.fisip.it/

Per quanto riguarda invece la semplice pratica dello sci e dello sport su ghiaccio per le persone con disabilità interessate, vi sono numerose località od associazioni in Italia che sono attrezzate per la prova e per l’accoglienza delle persone.
Si possono trovare prevalentemente sulle Alpi, ma anche sull’Appennino. Tra le varie realtà presenti, segnaliamo Freewhite al Sestriere, SportAbili a Predazzo ed A.S.H.A in Abruzzo.

Per maggiori informazioni si può consultare questa interessante Guida alle vacanze invernali a cura di Disabili.com.