Nuove iniziative per l’inclusione globale

Nuove iniziative per l'inclusione globale

Si moltiplicano le iniziative in vista del prossimo Disability Pride del 14 luglio a Roma, al quale parteciperà attivamente anche la Cooperativa aCapo.
L’ edizione 2019 sarà focalizzata sull’ inclusivo presente (#inclusivopresente) ossia di un nuovo modo di vivere la disabilità e l’ inclusione.
Per questo gli organizzatori vogliono coinvolgere i partecipanti o comunque le persone interessate a rappresentare questi temi realizzando foto e/o brevi video, da condividere su Facebook Twitter e Instagram.
E chi vorrà partecipare al Concorso ed essere premiato in occasione dell’iniziativa del 14 luglio, dovrà inviare il link di quanto pubblicato a info@disabilityprideitalia.org.
Saranno premiate le immagini che meglio avranno mostrato l’idea di inclusione che il Disability Pride Italia promuove.

“Qui c’entro anch’io”

Inoltre è partita anche la campagna “Qui c’entro anch’io”, promossa dall’associazione Disability Pride ONLUS, per sensibilizzare esercizi pubblici e privati al tema dell’accessibilità e dell’inclusione.
Viene chiesto a coloro che sono sensibili alla tematica di fare pressione sulle strutture inaccessibili, proponendogli una soluzione rapida ed anche accomodante.
E nel caso che il problema sia stato risolto, gli potranno applicare l’adesivo “QUI C’ENTRO ANCH’IO” e lo potranno condividere sulle pagine social del Disability Pride Italia.

I diversi adesivi

Sono stati preparati 4 diversi adesivi-premialità, a seconda del livello di autonomia che riescono a garantire per quanto riguarda l’ingresso ed i servizi igienici.
Si possono scaricare i file, modificabili a proprio piacimento con il logo dell’organizzazione o dell’esercente e stampare in completa autonomia gli adesivi.
Oppure se ne può fare richiesta a info@disabilityprideitalia.org, questi saranno spediti in cambio di un piccolo contributo per le spese.

Queste iniziative, comunque collegate al Disability Pride del 14 luglio, servono a chiedere la collaborazione di tutti per realizzare città più inclusive ed accoglienti.
Per maggiori informazioni si può vedere sul sito di Disability Pride Italia o sulla sua pagina Facebook e Twitter.