Disability Pride 2019

Disability Pride 2019

Il 14 luglio scorso una ‘flotta di alieni’ e di carrozzine ha riempito il centro di Roma, dai Fori Imperiali a Piazza del Popolo passando per tutta Via del Corso, per celebrare il Disability Pride 2019.

La manifestazione, organizzata da Disability Pride Onlus con il patrocinio di Roma Capitale, è stata una mobilitazione generale per i diritti delle persone con disabilità che ha visto la partecipazione di cittadini, associazioni e performer.

C’è ancora bisogno di rivendicare l’effettiva inclusione di migliaia di uomini e donne che quotidianamente lottano contro un mondo di barriere fisiche e mentali. Sono troppe le persone che rimangono ancora segregate in casa od in istituto e sono vittime di una stigmatizzazione sociale che colpisce tutte le diversità.

Come ha spiegato Carmelo Comisi, che ha portato in Italia la manifestazione, che si è svolta in contemporanea a New York, Brighton e, per la prima volta Dakar, “Il Pride vuole trasmettere alle persone normodotate e a chi non vive una disabilità che le persone con disabilità ci sono e che vogliono esserci ancora di più. Se continuano ad esistere barriere architettoniche nei mezzi di trasporto, negli esercizi, se l’inclusione lavorativa non viene praticata se non c’è un mondo pronto ad accogliere la diversità, questo non avviene.”

E quest’anno erano tante le persone in piazza, con ragazzi in carrozzina elettrica o manuale, giovani e volontari di tutte le associazioni, sportivi paralimpici e non da tutta l’Italia, musicisti e giocolieri.

Erano presenti i rappresentanti delle associazioni dei sordi (FIAS), che hanno partecipato dall’inizio alla fine beneficiando della traduzione simultanea in Lis e delle tecnologie di sottotitolazione.  

Tra i protagonisti della manifestazione anche la Cooperativa Sociale aCapo, che ha dato il suo sostegno all’evento tanto nella sua preparazione che nello svolgimento concreto, presentando progetti di inclusione sociale come Hostability.

Dopo le performance ai Fori Imperiali con musica, sport e flash mob, il corteo ha invaso via del Corso dietro lo striscione “#inclusivopresente“.

Arrivati davanti a Palazzo Chigi, è stato ricordato che all’inizio del mese è stato consegnato al Presidente del Consiglio Conte un elenco di richieste urgenti per il pieno rispetto della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità.

A chiudere la manifestazione una grande festa inclusiva con musicisti, comici e attori che hanno riempito di note piazza del Popolo fino a tarda notte.