Semplificazioni e novità per le persone con disabilità

Semplificazioni e novità per le persone con disabilità

Il Decreto semplificazioni, ossia il DECRETO-LEGGE 16 luglio 2020, n. 76 recante “Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale”, introduce alcune interessanti novità per le persone con disabilità.

Accessibilità web e smartphone

Infatti l’ Art. 29 contiene disposizioni per favorirne l’accesso agli strumenti informatici, emendando la vecchia legge sulla materia del 9 gennaio 2004.
Tra l’altro viene esteso l’obbligo di accessibilità dei siti web e delle applicazioni smartphone e tablet a molti altri soggetti pubblici, ed anche a quelli privati con certi requisiti che forniscono servizi di rilevanza per il pubblico.
Inoltre sono previste sanzioni da parte dell’ AgIDAgenzia per l’Italia Digitale in caso di mancata applicazione delle disposizioni da parte dei soggetti coinvolti.

Contrassegni per tutta l’Italia

Nel secondo comma dell’articolo si prevede la creazione di una piattaforma unica nazionale informatica, presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, per consentire la verifica delle targhe associate a permessi di circolazione dei titolari di contrassegni unificati disabili europei (CUDE).
E questa consentirà a tutti di circolare nelle ZTL di tutta Italia senza dovere avvertire ogni volta il Comune di transito, oppure senza dovere contestare le sanzioni che dopo qualche tempo arrivano all’indirizzo dei titolari.
Le procedure saranno definite previa intesa in sede di Conferenza unificata da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, sentite le associazioni delle persone con disabilità comparativamente più rappresentative a livello nazionale.

Interventi per l’abbattimento delle barriere

Infine il Decreto chiarisce anche la disciplina per gli interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche.
Ciascun partecipante ad un condominio può realizzare a proprie spese ogni opera per migliorare l’accessibilità o l’efficienza energetica dello stabile.
Tutti gli interventi sono da considerarsi non voluttuari, e questi possono essere vietati solamente quando si reca pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato.

Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura integrale dell’ Art.29 o di tutto il Decreto Semplificazioni.


Recommended Posts