Iscoop, la nuova piattaforma per il bilancio sociale

Bilancio Sociale

Legacoopsociali presenta Iscoop, una piattaforma per supportare le cooperative e imprese sociali associate nella elaborazione del proprio Bilancio sociale.
La piattaforma è stata realizzata in collaborazione con Mediagroup e la cooperativa specializzata Eticae.
Si tratta di progetto collettivo che vuole tracciare, comprendere, migliorare e comunicare il valore comune generato dalle imprese sociali aderenti a Legacoop.

Per la rendicontazione sociale

Iscoop vuole anche facilitare il percorso di adeguamento delle cooperative all’obbligo di rendicontazione sociale, previsto dalla recente riforma del Terzo Settore.
Alla piattaforma si può accedere dal portale bilanciosociale.pico.coop, ulteriori informazioni si possono trovare anche sul sito di Legacoopsociali.
Anche la cooperativa aCapo utilizzerà questo importante strumento per il prossimo Bilancio sociale, già in fase di elaborazione, per comunicare i propri risultati economici, sociali ed ambientali.

La presentazione di Iscoop

Iscoop è stata presentata lo scorso 3 febbraio con una videoconferenza on line su zoom, che ha visto la partecipazione di quasi 500 persone.
Tra i relatori il presidente nazionale di Legacoopsociali Eleonora Vanni, la responsabile Area Progetti Maria Felicia Gemelli, il direttore generale Dg del terzo settore e della responsabilità impresa sociale del ministero del Lavoro Alessandro Lombardi, la coordinatrice Area Ricerca di Aiccon Sara Rago e il presidente di Fondazione Pico Giancarlo Ferrari.

Uno strumento per l’economia sociale

“Abbiamo lavorato per mettere a disposizione della vasta platea delle cooperative aderenti un format comune, ha dichiarato la presidente nazionale Eleonora Vanni, con l’idea di cogliere l’opportunità per andare oltre l’adempimento normativo e farne un’occasione di rilevazione sistematica, di trasparenza, di coinvolgimento degli stakeholder (soci, ma anche lavoratori) e degli stakeholder (utenti, committenti, comunità di riferimento).
Abbiamo sviluppato la proposta attraverso un processo partecipato finalizzato alla co-produzione di uno strumento che evidenziasse il valore aggiunto cooperativo.
Questo abbiamo inteso fare e questo mettiamo a disposizione della variegata platea di cooperative sociali aderenti che presentano bisogni anche fortemente differenziati, ma uniti dall’obiettivo comune di valorizzare il ruolo e la portata strategica di questo tipo di impresa e dell’economia sociale che genera in un momento anche così particolare come quello che stiamo vivendo”.