La Disability Card è già operativa

La Disability Card è già operativa

Ora è possibile richiedere on line la Disability Card, la tessera che permette di accedere a servizi e tariffe agevolate in tutti i paesi dell’Unione europea (vedi articolo).
La Carta Europea della Disabilità (CED) nasce della Strategia dell’Unione Europea 2010-2020 in materia di disabilità, tramite il Regolamento n. 1381/2013 e il Programma Diritti, uguaglianza e cittadinanza.
Il suo obiettivo è quello di garantire la piena inclusione delle persone nella vita sociale e culturale delle comunità, in regime di reciprocità con gli altri Paesi della UE.

La richiesta sul sito dell’INPS

Dal 22 febbraio si può richiedere la Carta tramite la pagina specifica del portale INPS (ma è necessario avere lo Spid).
Possono richiedere gratuitamente la Disability Card le seguenti categorie:

  • Invalidi civili maggiorenni con invalidità certificata maggiore del 67%
  • Invalidi civili minorenni
  • Cittadini con indennità di accompagnamento
  • Cittadini con certificazione ai sensi della Legge 104, Art 3 comma 3
  • Ciechi civili
  • Sordi civili
  • Invalidi e inabili ai sensi della Legge 222/1984
  • Invalidi sul lavoro con invalidità certificata maggiore del 35%
  • Invalidi sul lavoro o con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa o con con menomazioni dell’integrità psicofisica
  • Inabili alle mansioni (ai sensi della Legge 379/1955, del DPR 73/92 e del DPR 171/2011) e inabili (ai sensi della Legge 274/1991, art. 13 e Legge 335/1995, art. 2)
  • Cittadini titolari di Trattamenti di privilegio ordinari e di guerra

La domanda può essere effettuata direttamente dal beneficiario o dal suo rappresentante legale o da una delle associazioni di categoria accreditate.

Servizi e convenzioni

Il sistema dovrà verificare tutte le informazioni necessarie sullo stato di invalidità o di handicap direttamente tramite confronto con i dati dagli archivi dell’INPS.
In caso di esito positivo, al richiedente verrà inviato il documento cartaceo, prodotto dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.
La Disability Card consentirà di attestare il proprio stato di invalidità, unitamente al proprio documento di identità, e di beneficiare dei servizi ad esso riservati.
Ma anche l’accesso a specifiche convenzioni in Italia e in Europa, come le tariffe agevolate per Musei e ai luoghi di cultura nazionali e non (si può vedere l’elenco delle convenzione attive)

Le associazioni di categoria

Soddisfazione arriva dalle associazioni, come la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), che insieme ai ministeri preposti ha compiuto gli studi necessari sulle agevolazioni esistenti e le loro modalità.
Come commenta il presidente Vincenza Falabella, la Card consentirà alle persone con disabilità di compiere un importante passo avanti rispetto all’inclusione nella vita sociale della propria comunità di appartenenza.
Viene anche messo a disposizione di tutti un approfondimento curato dal Centro Studi Giuridici HandyLex per spiegare in modo chiaro la modalità ed i beneficiari della Disability Card.

Per maggiori informazioni si può leggere il DPCM 23 dicembre 2021

Fonte foto: ContoCorrenteOnLine